Testatina
Parka Wudele (uomo)
€ 669,00
€ 535,00

Splendido giaccone in Loden trapuntato. Cappuccio staccabile con cerniera. Cerniera di chiusura e cinque bottoni a press...

Le Viles - Di Vila in Vila



Cartina Kompass 358

Alla scoperta delle architetture rurali dei villaggi (viles) ladini orgogliosi custodi di un'antica tradizione.

La valle si apre sotto di noi, in basso spunta il piccolo campanile di Pliscia, di fronte si intravedono Rina e Tintal sullo sfondo del Putia. L'anziano contadino accanto a me indica le sagome dei villaggi e dei monti e pronuncia lentamente ogni nome, aggiungendo per ognuno una rapida frase nella sua lingua. Ora mi guarda e ride, accorgendosi dalla mia espressione interrogativa che non capisco una parola di ladino. Lui, sua moglie e i bambini che spingono al pascolo le mucche non capiscono, invece, o fanno finta di non capire, l'italiano. Quando, tagliando per i prati, abbiamo saltato lo steccato, nessuno se l'è presa ma ci hanno guardati con curiosità, invitandoci con ampi gesti e sorrisi, e ora il bambino più piccolo tira il bordo dei miei jeans e guarda stupito la nonna in vestitone azzurro, grembiule a fiori, cappello di paglia e scarponcini: insomma, che cosa ci fa questa donna in calzoni? Sembra di essere nel paese di Heidi.
Le case di Frontü, una delle più belle viles badiote, sono allineate poco sopra di noi e si godono il sole. Qualche traccia di civiltà - c'e una cinquecento scassata davanti a un maso - è comparsa anche qui ma questi villaggi conservano la tradizionale struttura degli antichi insediamenti delle popolazioni retoromane che colonizzarono queste zone tra il V e l'VIII secolo dopo Cristo.
Calavano i barbari e le genti ladine, nate dalla fusione di etnie celtiche e conquistatori romani, fuggivano le scorrerie di Vandali, Eruli, Franchi, Baiuvari e Slavi rifugiandosi nelle alte valli periferiche: conoscevano i sentieri di caccia scoperti dai lontanissimi antenati e li percorrevano da tempo con le mandrie alla ricerca di pascoli alti. Si trattava però di stabilizzarsi tra queste montagne e così le piccole comunità disboscarono parte delle ripide pendici, costruirono case e fienili stretti tra loro, fontane, abbeveratoi e forni di uso comune, e dissodarono campi a quote limite per la coltivabilità. Fu senza dubbio questa impresa collettiva di generazioni e generazioni a rafforzare i legami all'interno della comunità e questo, insieme alla soddisfazione di essere sopravvissuti con la propria lingua e le proprie tradizioni all'ondata delle invasioni, generò quel tenace spirito di conservazione, quell'orgoglio autonomista che hanno difeso nel tempo i ladini da ogni pressione esterna. Ormai separati dagli altri fratelli dell'area alpina e delle valli Gardena, Fodom e Ampezzo, gli abitanti della Badia diedero filo da torcere anche ai signori feudali dell'abbazia di Sonnenburg e del principato vescovile di Bressanone, che dopo lotte sanguinose e tentativi di infiltrazione dovettero riconoscere i comaun e le "regole" e rispettare la loro identità culturale.
L'isolamento geografico, sociale ed economico ha poi permesso loro di conservare la propria cultura anche nell'età moderna. L'istituzione del "maso chiuso", riconosciuta nel 1900 dalla Dieta Tirolese, ha determinato sì una riduzione della popolazione - in quanto costringeva i figli cadetti a emigrare - ma ha salvato le caratteristiche strutturali delle viles garantendo alle aziende le minime dimensioni economiche.

Così le viles sono rimaste più o meno quelle di allora, simili le case (soprattutto all'esterno), simili i rustici, simili le zone di uso comune e simili i ritmi di lavoro nei campi, quasi elementi di un'archeologia sociale. Anche il territorio circostante, per quanto le colture agricole si siano ridotte, non ha subito stravolgimenti e le radure si alternano ai boschi oggi come allora, dando luogo a un tipico paesaggio artificiale dove uomo e ambiente hanno però trovato un equilibrio. Tutto merito di madre natura che ha reso queste zone difficilmente accessibili, della popolazione ladina che ha saputo conservare vitali le sue tradizioni e la sua lingua - e merito anche dell'Amministrazione Provinciale che ha promosso tempestivamente progetti di studio e interventi di tutela.
Certo non si può dire che nulla sia cambiato: bisogna osservare con attenzione e parlare con la gente che nelle viles abita ancora per farsi un'idea, rispettosa della realtà. Nei villaggi più isolati si incontrano soprattutto anziani, mentre i giovani lavorano o studiano a valle e risalgono la domenica o per il periodo estivo quando c'è da dare una mano. Il carro del fieno non esiste più, surclassato da simpatici trattorini rossi che si arrampicano in luoghi incredibili e nella stube non è raro vedere troneggiare una bella segreteria telefonica, comodissima quando tutti sono nei campi.
Quando, desiderosi di sapori genuini, chiediamo dove possiamo trovare burro e formaggio nostrani, ci rispondono che quasi più nessuno lavora il suo latte ma che la produzione avviene alla centrale di Brunico che garantisce il più totale rispetto delle norme igieniche. E già, le norme igieniche: anche questa è civiltà. Ci teniamo la voglia del burro di una volta, quello giallo con la mucchina stampata sopra, e ci "consoliamo" con l'architettura e lo splendido paesaggio.

Informazioni e indirizzi utili di Badia, Corvara e La Valle


Tratto da: "Itinerari e luoghi" n. 6 - Agosto '92
Testo di Marzia Rosani, foto di Marco Majrani.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Arnica Pinum - Dr. Rössler

€ 13,50

Pane croccante - Schüttelbrot Näckler BIO

€ 3,54

Spirito Gallico Pinum - Dr. Rössler

€ 13,50