Testatina
Frizione all'Arnica Unterweger
€ 7,30

Con estratto di arnica pura, dà sollievo immediato a braccia e piedi stanchi, schiena, collo, muscoli e articolazioni. T...

CHIESA DI SAN JACOPO A TERMENO/TRAMIN


Di poco posteriori a quelle di Appiano/Eppan, sono le pitture che decorano la piccola chiesa di Sjacopo posta sulla collina di Castellaccio/Kastellaz nei pressi di Termeno/Tramin. Presenta unica navata e abside semicircolare. Gli affreschi si condensano nella zona absidale dove troviamo la figura di Cristo all'interno della mandorla, circondato dai simboli dei quattro Evangelisti, con altrettante immagini di santi. Nel registro sottostante, all'interno di un'architettura ad archi ribassati e colonnine, sono disposte le impassibili e sonnacchiose figure degli Apostoli. Sopra gli estradossi degli archi troviamo una breve cortina muraria e strutture turrite poste in corrispondenza delle sottostanti colonnine. Ombre alquanto arbitrarie si trovano nelle torri che suggeriscono una labile tridimensionalità. Questa è però efficacemente raggiunta dal sottostante meandro a motivi zigzagati. Il basamento dell'abside è occupato da una composizione costituita da figure arcane, dalle strutture fantastiche e decisamente inquietanti, che si affrontano in aspri combattimenti. Quest'ultima parte è concepita con originalissima fantasia e i protagonisti sono uomini dalla testa di cane, centauri, sirene, uomini-uccello e così via, ben scanditi nel loro linearismo grafico estremamente sintetico e compendiario.

Tali esempi, genialmente grotteschi, sono certamente fra i pochi sopravvissuti di un fenomeno che nel medioevo doveva aver più vaste proporzioni. Draghi, centauri, serpenti mostruosi, idre pluriteste, belve ibride, fanno parte dell'universo della "mostruosità" che ritroviamo soprattutto nella letteratura medievale germanica. Saranno i cavalieri usciti da corti castellane ad eliminare questi esseri anomali e a guadagnare onore e credibilità. Lo storico Claude Lecouteux 21) è del parere che gli esseri mostruosi raffigurati altro non sono che un ricordo della mitologia pagana influenzata dalle credenze cristiane. Mettendo poi a confronto i fatti inquietanti di un dato periodo storico, e cioè tempi di gravi sconvolgimenti sociali, politici ed economici, questi avrebbero determinato una particolare attenzione nei confronti della magia, del mostruoso o del meraviglioso. Per D.Vitale 22) "l'essere mostruoso può essere inteso come l'oggettivazione delle paure dell'uomo medievale nei confronti di un mondo che conosce male e dal quale si sente dominato; paure che vengono esorcizzate nella letteratura mediante la sconfitta subita dai personaggi mostruosi ad opera degli ero?. Per S.Agostino, infine, la mostruosità aiuta l'uomo - a cui sfugge la perfezione del Creato - a prendere coscienza delle bellezze dell'universo.

In ogni caso in questa lotta dei "mostri" si giunge all'apice dell'evoluzione pittorica romanica in Alto Adige. Peccato che della affascinante follia di questa illustrazione, così fortemente grottesca, non sia rimasto null'altro se non negli esempi del portale della cappella di Castel Tirolo e nei doccioni scolpiti dell'arca absidale del duomo di Bolzano.

A metà del XV sec. la chiesetta fu affiancata da una seconda navata voltata a crociera. Qui troviamo un ricco ciclo di affreschi attribuiti ad AMBROSIUS GANDER (1441), che sarebbe stato allievo di JOHANNES VON BRUNECK.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Mantella Wudele (donna)

€ 595,00
€ 506,00

Giacca Janker Liebling Verena (donna)

€ 314,90

Poncho Wudele (donna)

€ 185,00
€ 157,00